Agata * Agate

Agata

Sistema cristallino: trigonale
Classe: ossidi
Durezza: 7
Famiglia: calcedonio
Della stessa famiglia: onice (bianco o nero), corniola (rosso/arancio), crisoprasio (verde mela o giallo verdastro), eliotropio (verde scuro con chiazze rosso sangue), agata muschiata (pallida opalescente con inclusioni minerali filiformi di aspetto arborescente)
Colore: colore in bande curve concentriche nei colori del grigio, giallo, marrone, verde, azzurro, rosa.

Segno Zodiacale:
Cancro (un’agata grigia o dai colori chiari aiuta la comunicazione del cancro con la Luna favorendo la meditazione)
Capricorno (risveglia il alto ludico e ottimista del capricorno)
Toro, Bilancia e Pesci (agata verde), Gemelli (agata gialla), Vergine (agata grigia o bianca), Sagittario e Acquario (agata azzurra).

Chakra di riferimento:
1° Chakra Muladhara (o Chakra della Radice) per l’agata grigia, bianca o nera. Il Chakra Muladhara o Chakra della radice è il centro della sicurezza. Legato alla forza dell’elemento terra, costituisce le radici della persona, ne genera l’energia vitale e la volontà di vivere nella realtà materiale.
2° Chakra Svadhisthana (o Chakra Sacrale) per l’agata arancione o rossa. Il Chakra Svadhisthana o Chakra Sacrale è il centro delle emozioni, è legato all’energia dell’acqua, al movimento, genera energia sessuale, desiderio e la capacità di esprimere le proprie necessità. Fonda l’identità creativa.
3° Chakra Manipura (o Chakra dell’ombelico) per l’agata gialla. Il Chakra Manipura o Chakra dell’ombelico è legato all’energia del fuoco ed il suo scopo è la trasformazione, produce volontà, indipendenza, autostima, crea l’identità dell’ego.
4° Chakra Anahata (o Chakra del cuore) per l’agata verde e rosa. Il Chakra Anahata o Chakra del Cuore, fonda l’identità sociale. E’ legato all’elemento dell’aria, all’elaborazione e trasformazione degli eventi, all’accettazione di quelli negativi per trasformali in arricchimento personale che non intacchino la pace interiore. E’ inoltre il centro della nostra capacità di amare (se stessi e gli altri), di apertura ed accoglienza emotiva. In Cristalloterapia, si considerano due zone di lavoro differenti, a seconda che si intervenga per liberare da dolori repressi (legato alle pietre verdi) o che si agisca per sviluppare la capacità di amare, dal livello umano a quello spirituale (legato alle pietre rosa).

Origine del nome ed il suo posto nella storia:
Il nome "agata" deriva dall’egiziano Haisplendere” e dal greco Achàtès (fiume siciliano lungo le cui rive abbondavano i ritrovamenti). Già conosciuto più di 5000 anni fa ed utilizzato da Fenici, Assiri e Sumeri. Nell’antico Egitto molti amuleti raffiguranti lo scarabeo sacro erano intagliati proprio nell’agata poiché considerata una pietra dispensatrice di forza e longevità. Inoltre l’agata garantiva ai contadini raccolti abbondanti e protezione dalle malattie. La variante più apprezzata era il bianco. Conosciuta ed apprezzata anche da Idiani, Nepalesi e Tibetani per le caratteristiche di pietra portafortuna e protettiva.

Applica i suoi effetti benefici su:
Spirito: promuove il bisogno di introspezione, aiuta a trovare dentro di sè la risposta alle proprie domande. Facilita l'analisi critica delle proprie esperienze, promuovendo la crescita spirituale oltra alla stabilità ed al realismo.
Psiche: fa sentire il soggetto protetto e sicuro, lo rende meno teso e in grado di sopportare meglio le influenze esterne soprattutto gli esemplari caratterizzati da strisce uguali e concentriche. Se l'agata contiene nel proprio nucleo cristalli di rocca (agata druzy o drusa di agata) attiva le facoltà della memoria permettendo l'emersione di ricordi di vite precedenti.
Mente: promuove il pensiero logico razionale e spinge ad andare al nocciolo del problema che si sta affrontando. Aiuta ad elaborare soluzioni pragmatiche che con calma, ma decisione, dovranno essere applicate alla realtà. L'agata favorisce la conoscenza dell'essenziale, evitando la dispersività.
Corpo: l'agata svolge una funziona simile a quella dell'aura umana: protegge l'intero organismo, ed armonizza e stabilizza la sua salute. Favorisce inoltre la rigenerazione e la crescita.


Agata blu

Agata rossa

Agata verde
Vuoi un gioiello unico e personalizzato creato appositamente per te con l'agata che più ti chiama? contattami via mail o messaggio privato su Facebook ^____^



* Sentitevi liberi di condividere il link di questo tutorial informativo e di tutti gli altri,  ma per cortesia non fate copia-incolla dello scritto spacciandolo come vostro, rispettate il mio lavoro, condividete sempre il link del mio lavoro originale, grazie ^____^


Fonti: wikipedia, dizionario etimologico, "L'energia delle Pietre" Fabbri Editore, "Minerali e Gemme" DeAgostini, "L'arte di Curare con le Pietre" di Michael Gienger, "Conoscere i Minerali" di Roberto Zorzin.

Post di approfondimento correlati:


Licenza Creative Commons
Questo opera di NekoJewels by Michela Ulivieri è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

Commenti

  1. Io sono del segno dell'acquario e sono felicissima che la mia sia l'agata azzurra :D

    Vanessa Van
    http://vanessavanhandmade.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa ^____^
      l'acquario ha tutte pietre bellissime!!

      Elimina

Posta un commento